Crea sito

And the winner is…

di maia, 1 febbraio 2008

MAIA!     Premio D eci e lode

Devo dire che non me lo aspettavo.
Non mi aspettavo che ci fosse giustizia a questo mondo, intendo, perché che questo riconoscimento mi spettasse è fuor di dubbio!

Dio, sono così emozionata… che quasi mi mancano le parole!
Quasi.

Innanzi tutto i ringraziamenti.

Ringrazio i miei genitori per avermi fatta così.
Poi le mie sorelle, che nonostante le apparenze mi vogliono tanto bene. Lo dimostrano i graziosi nomignoli “mucca pazza” e “vecchia rimbambita” con i quali mi vezzeggiano in continuazione.
Poi la mia famiglia tutta, senza la quale oltre la metà di questi post non esisterebbe.
E i miei amici, che mi son stati vicini nel momento del bisogno. Grazie davvero a entrambi.
E grazie anche a tutte le persone strambe che ho incontrato in questi anni, fonte continua di ispirazione.
E grazie a tutti i miei fan, il vostro calore mi coccola e mi spinge a dare sempre il meglio.
E grazie, naturalmente, a baxx che ha nominato il mio blog con la motivazione: “Perché è un posticino pulito, illuminato bene e che lei ha buon gusto, nessuno lo può negar”.
Grazie di cuore. Questo premio lo voglio dividere con tutti voi.

E cosa farai adesso che sei famosa, mi chiederete.
Mah, vi dirò, per prima cosa credo proprio mi farò un’operazione. Ma non una di quelle banali, da vippettini della tv. Di nasi, tette e culi rifatti è pieno il mondo.
Così ho deciso di rifarmi una spalla.
E che te ne fai di una spalla rifatta, mi chiederete.
Mah, con una spalla rifatta si possono fare un mucchio di cose.
Tipo indossare quegli abiti con una spalla di fuori e una coperta.
Senza contare il fatto che per lungo tempo girerò con il tutore e così anche i brutti vecchiacci incarogniti saranno costretti a cedermi il posto sul bus!

Progetti per il futuro, mi chiederete.
Mah, direi pace e fame nel mondo, bimbi, animali, buco nell’ozono, ambiente… Insomma, i soliti.
Poi un film sulla mia vita interamente girato a Zollywood, la nuova Hollywood in Zambia, molto chic, molto trendy, molto new, ché già Bollywood mi sa di stravisto.
Penso che chiamerò Coppola alla regia, i Coen alla sceneggiatura e uno fra Angelina Jolie, Jessica Alba o Alan Alda a interpretare la mia parte.

Detto questo, mi pare non rimanga altro che fare le mie nomination.
Ci ho pensato a lungo, queste son cose di una certa importanza.
Anche perché un premio del genere ha senso se ad essere premiato è un blog che riveste un significato speciale per chi fa parte della giuria (ovvero me).
Quindi spero non se ne avrà a male l’amico edo, o antonio, o il Cavaliere Stacchia, o francesco, o i ragazzi di tor, o tutti gli altri “tenutari” i cui blog io adoro e leggo regolarmente. Né si arrabbieranno i “colleghi” di Cabaret Bisanzio. Citare un blog per cui scrivo mi parrebbe quanto meno fuori luogo.

Voglio nominare colui che mi ha introdotta nel meraviglioso mondo dei blog.
Prima non ne avevo mai letti.
Un bel pomeriggio d’estate, immobilizzata in casa, non sapevo che fare e ci son capitata per caso. Ho iniziato a leggere e non mi son più staccata.
Mi ha fatto ridere fino alle lacrime, e questa è la cosa più bella che possa capitare in un caldo pomeriggio d’estate, quando si è immobilizzati in casa e non si sa che fare.
Tranne che scambiarsi effusioni col proprio compagno, ovvio. Ma di compagni a portata di mano non ne avevo, quindi non ringrazierò mai abbastanza Sauro e il suo Piccolo blues per lo spasso che mi ha regalato e che (quasi) ogni giorno ci regala.

Ricorda Sauro.
Se son qui è tutta colpa tua!

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

19 Commenti »

  1. Comment by Sauro1 febbraio 2008

    Stai zitta, non me lo ricordare. Il rimorso ancor non m’abbandona.

  2. Comment by Ted1 febbraio 2008

    Bah, tanto bello ridere fino alle lacrime in un caldo pomeriggio d’estate non so se lo è. A me è capitato e poi mi sono asciugato gli occhi con le mani sudate e mi si sono incendiate le retine però non riuscivo a smettere di ridere e di lacrimare e di asciugarmi le lacrime.

  3. Comment by cav. Marcello Stacchia1 febbraio 2008

    caro giovanotto,

    solo una parola: VERGONIA!!!

    suo, tra mille lagrime estive,

    cav. Stacchia

  4. Comment by ndr — 1 febbraio 2008

    sauro è uno dei primi che pur io lessi…secoli fa…c’erano solo il suo blog e quello di ryu…un milione di anni fa..

  5. Comment by Maia — 1 febbraio 2008

    eheh, sauro, lo so che stai facendo finta.
    in realtà sei fiero della tua creatura.
    altrimenti chi altro scriverebbe tante belle cose sul tuo conto?
    chi ti metterebbe addirittura come risposta in un test?
    eh?

    ted, ma stavi leggendo sauro pure tu?

    Cavaliere! mi perdoni, La prego! volevo fare un nome solo per non far perdere senso al premio, ma Lei ho trovato modo di nominarLa lo stesso, non vede quanta devozione c’è in questo atto?
    guardi, come pegno della mia ammirazione, Le cedo direttamente il mio di premio!
    premiatamente Sua,
    ecc ecc…

    cavolo, andrea, è così vecchio il blog di sauro?

  6. Comment by chiaradavinci1 febbraio 2008

    vi ho scoperti entrambi da pochissimo e mi sono affezionata subito. mi sa che vi ho anche bell’e rotto i coglioni.

  7. Comment by francesco1 febbraio 2008

    io, invece, avrei nominato Sauro e il suo Piccolo blues :-)
    (che c’è anche da ringraziarlo per averti introdotta nel meraviglioso mondo dei blog)

  8. Comment by Maia — 1 febbraio 2008

    chiara e francesco (uhm… non è che vi conoscete?) siete molto gentili.
    adesso arrossisco!
    ma se volete continuare coi complimenti, chi sono io per fermarvi?

  9. Comment by Sauro1 febbraio 2008

    Ebbene sì, sono orgoglioso della mia creatura. Pero lo era anche il dottor Frankestein, e questo non depone nè a mio favore, nè a tuo. Grazie a tutti per le belle parole, eh? Ciao, saluto tutti quelli che mi conoscono.

  10. Comment by Ted1 febbraio 2008

    No, maia, era ubriaco a una seduta di laurea.

  11. Comment by Maia — 1 febbraio 2008

    eccolo là sauro, subito ad approfittare dell’angolo di celebrità che IO gli ho donato…

    ted, strane usanze alle vostre sedute di laurea.
    anche se pure io avrei da raccontarne delle belle.
    e presto, forse…

  12. Comment by baxx1 febbraio 2008

    hey, Maia, è proprio grazie al buon Sauro che ci siamo conosciuti, eh! lui è stato il nostro… com’è che si dice? ce l’ho qui, sulla punta della lingua, ma in questo momento non mi viene…

  13. Comment by Maia — 2 febbraio 2008

    bischero?
    non so quello che volevi dire, ma mi sembra che “bischero” gli calzi a pennello.

  14. Comment by ndr — 2 febbraio 2008

    maia, sì. o meglio, anche più vecchio, credo. a meno che questo sauro non sia un altro sauro, portato in vita grazie al sangue succhiato da una zanzara etc.
    sai, i sauri…
    ecco.
    buhm.

  15. Comment by saulle2 febbraio 2008

    una particina nel tuo film?
    non so, un bangnetto nel mare di notte, noi due insieme, la luna alta nel cielo

  16. Comment by Maia — 2 febbraio 2008

    acc, andrea, io lo facevo più giovane sauro.
    anche se… in effetti… tutti quegli acciacchi che ha avrebbero dovuto farmelo capire…

    saulle, la scena è di sicuro effetto. però un film sulla mia vita dovrebbe riportare episodi che mi sono effettivamente accaduti. e non mi pare che abiamo mai fatto un bagnetto nel mare di notte, la luna alta nel cielo…
    non è mica come quella volta che salvai kevin spacey che stava per annegare nella laguna durante il festival di venezia e lui per ringraziarmi mi dette un bacio luuuuunghissimo!

  17. Comment by Sauro3 febbraio 2008

    Ma la finite di parlare di me come se non ci fossi? Eh?

  18. Comment by ndr — 3 febbraio 2008

    sauro!! ma ci sei? finalmente. no perché forse è giunto il momento di farti una domanda che mi son sempre fatto, che sarebbe questa, di grazia:
    ma il “sandronisauro” a che era risale?
    perché, in somma, il brontosauro (da cui è disceso il nano brontolo, tra l’altro), il dinosauro (da cui zoff)…ecco, quindi, se tu potessi, rispondere alla domanda, visto che ci sei, ecco.
    ecco.

  19. Comment by Sauro4 febbraio 2008

    Dunque, il saurosandroni, nella sua fase splinderiana, risale al remoto 2005 (dopo Cristo, comunque).

*