Perché non l’hanno chiesto ad Evans?

di maia, 2 marzo 2010

Scusate, in questi giorni sto scrivendo effettivamente troppo, ma quando ho letto una nota di rael a un post sul blog del giallo mondadori proprio non ho potuto trattenermi.

Il pezzo è molto significativo. Spiega perfettamente come vanno le cose da noi, da un po’ di tempo a questa parte. Tempi in cui nelle posizioni di vertice in qualunque manifestazione/organizzazione/centro di produzione culturale non ci si mettono specialisti del settore, no,  ma nomi spendibili fra il grande pubblico.

Si mette a capo dei gialli mondadori (sempre che la notizia sia vera, che io non ci voglio credere) uno che confessa candidamente di non leggere gialli. Tranne quelli di Simenon e Stout. Ci mancava citasse Conan Doyle e la Christie e il poker era completo. Tutti autori che adoro, sia chiaro, ma limitarsi a conoscere loro ed essere messo a dirigere la collana di gialli più possente d’Italia è un po’ come se io fossi nominata direttrice di Cucina Moderna perché so fare divinamente il tiramisù. In pratica il nuovo direttore dei gialli Mondadori  della giallistica contemporanea non ne sa niente. Di quella italiana meno ancora. Meravigliosa la frase: ho accettato per più motivi. Innanzitutto, per fare una attenta escursione nella letteratura gialla attuale, conoscere gli autori italiani di libri gialli nel convincimento che fra loro c’è sicuramente qualche “campione”. Ah sì? E’ così che funziona? Cioè, prima si accetta la nomina a capo della sezione gialla di una delle più grandi case editrici e poi ci si informa sugli scrittori che circolano, da decenni, invisibili agli occhi del neodirettore, ma ben presenti ai tanti lettori, prevalentemente giovani e giovanissimi, al contrario di quanto lui pensa.

Egli, il preclaro direttore, pensa, infatti, che la sua mission (iniziamo anche noi, poveri sinistroidi piagnoni a parlare un po’ come si deve, eccheccazzo!) possa consistere nel: portare alla lettura dei gialli Mondadori   quel pubblico più giovane, diciamo dai 40 anni in giù, che forse ha sempre avuto per anagrafe scarso rapporto con questo tipo di libri e che non ha trovato in televisione o nel cinema uno stimolo a questa particolare letteratura, senza sapere che negli ultimi anni sono proprio questi, i “ggiovani” i lettori forti del genere. Se si escludono gli appassionati di Camilleri.

Ecco, forse il problema del nuovo direttore dei Gialli Mondadori è proprio questo. Credere che la giallistica post-Simenon in Italia sia solo Camilleri.

Niente Macchiavelli e i suoi innumerevoli figliocci, niente apertura di un nuovo genere, niente Dazieri (edito Mondadori!), niente Perdisa Pop, per citare solo una delle fucine più attive per le nuove leve (gialliste o meno) di narratori italiani.

Ciliegina sulla torta, il finale del pezzo. Merita di essere riportato per intero: personalmente sono convinto che il telespettatore piuttosto che il lettore (di libro o di giornale) gradirebbe intervenire, esprimere una propria opinione, suggerire un passaggio della trama e non solo banalmente il nome dell’assassino.

Cioè, i gialli della collana Mondadori seguiranno i suggerimenti degli “utenti”? Magari con un bel televoto? Che si fa, “Amici dei Gialli Mondadori”?

Ma si può?

In Italia sì.

In Italia si può nominare direttore dei Gialli Mondadori nientemeno che Maurizio Costanzo.

O almeno così pare, che l’unica conferma che ho trovato alla notizia è sul Corriere della Sera.

Quindi ho ancora qualche speranza che si tratti solo di una terribile bufala.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

27 Commenti »

  1. Comment by Sauro2 marzo 2010

    1) VIBRANTE PROTESTA
    2) Come lo fai il tiramisù?
    3) Perdisa FTW

  2. Comment by chiaradavinci2 marzo 2010

    Ottima obiezione, Maia cara, se sollevata in un paese civile e se si stesse parlando di una casa editrice seria e importante. Ho avuto a che fare con la Mondadori in anni molto meno sospetti di questi e ho visto fare di peggio: segretarie messe a dirigere collane per i giovani sostituendo editor giovanissimi e intelligenti (ma non raccomandati), editor passati dai classici ai miti (che non hanno nulla a che fare con la Grecia, ma sono i romanzi più venduti in edizione economica), direttori di collana passati dagli illustrati alla narrativa orientale. Purtroppo nelle case editrici per le quali il guadagno è l’unico interesse le decisioni vengono prese dall’alto, e i collaboratori sono solo pedine (mi sembra di averlo già sentito fare a proposito del Milan questo discorso), quindi a Costanzo hanno tolto qualche programma alla tv e per giustificare lo stipendio da urlo lo avranno piazzato lì a fare da brutta statuina. Tanto lui o un altro pubblicano sempre la stessa robaccia (vedessi come fanno le traduzioni ai gialli Mondadori, fino a qualche anno fa andavano a numero di pagine: se le superavi avevi la facoltà di tagliare i pezzi che non ti piacevano).

    Nella lista di giallisti moderni in gamba e gggiovani (sebbene vadano tutti per i quaranta, da noi sono sempre ggggiovani) ti sei scordata il gruppo dei toscanacci: Vichi, Gucci e il mitico Malvaldi (pur non amando molto i gialli, lo adoro), nonché l’agée Francesco Recami che, dopo averlo sentito parlare a Pisa, ho eletto a mio guru personale (basti pensare che ha intitolato un libro “L’errore di Platini”).

    Oh, grazie, era più di un anno che non mi veniva voglia di commentare un post in un blog, bello spunto di riflessione.

    PS Ma hai visto che nell’articolo in cui si presenta come direttore di collana Costanzo cita Signorini? In Cina mi sa che glielo avrebbero censurato solo per quello.

  3. Comment by maia — 2 marzo 2010

    @sauro: 1) un po’ di bella indignazione di prima mattina, grazie a rael
    2) di molto buono (savoiardi e caffè e chioccoli di cioccolato)
    3) che centra carpisa adesso? di borse parlavo qualche post fa!

    @chiara grazie mille, mi hai fatto un complimento bellissimo.
    ps di nomi ne ho scordati a bizzeffe, ma ero troppo indignata per pensare, ho vomitato tutto in due secondi netti.
    anzi, chiedo scusa per le vistose omissioni

  4. Comment by waxen2 marzo 2010

    “e l’universo, l’universo, è controllato da Costanzo” [cit] :)

  5. Comment by maia — 2 marzo 2010

    sempre più vero :)

  6. Comment by marchino2 marzo 2010

    io, modestamente, faccio un tiramisù da urlo (pure nella versione con le fragole), ‘mo mi candido subito a direttore del Gambero Rosso
    😛

  7. Comment by marchino2 marzo 2010

    ‘mo mo’ m’o mho… boh non mi ricordo mai come si scrive e sbaglio sempre- sarebbe meglio che scrivessi adesso

  8. Comment by maia — 2 marzo 2010

    eh, la versione con le fragole è più di classe, quindi giustamente a te il gambero rosso e a me cucina moderna!

  9. Comment by Stanis LaRochelle — 2 marzo 2010

    Com’è che diceva Ludovica del tiramisù?

  10. Comment by eio2 marzo 2010

    Peraltro, nel post che segnali non ci sono praticamente commenti negativi. la cosa mi puzzava, e infatti c’è un nuovo post
    http://blog.librimondadori.it/blogs/ilgiallomondadori/2010/03/02/sergio-altieri-scrive-ai-lettori/

    dove si dice che i commenti sono stati censurati. Ovviamente molti avranno avuto qualcosa da ridire. Io magari aggiornerei il post tenendo conto di questa cosa qui.

  11. Comment by maia — 2 marzo 2010

    stanis! dio, che onore averla qui! mi sento un po’ meno italiana!

    @eio: una cosa del genere non merita aggiornamento.
    anche perché se dopo i commenti sgraditi nel loro blog, poi mi cancellano il mio di blog? paura….

  12. Comment by buoni presagi2 marzo 2010

    È saltato un commento di Simone Sarasso, che ho fatto in tempo a leggere prima che venisse segato. Si tirava fuori dal coro di auguri, ricordava il passato (?) piduista di Costanzo e concludeva con la battuta “del resto siamo nella casa di Papi”.

  13. Comment by maia — 2 marzo 2010

    ma davvero l’hanno segato quel commento? che strano…

  14. Comment by buoni presagi2 marzo 2010

    tra l’altro è bellissimo il commento del moderatore:
    “Ho eliminato il commento di Simone Sarasso. Preciso che il mio non vuole essere un atteggiamento censorio ma vorrei rircordare a tutti che questo è un sito ufficiale Mondadori.”

    (traduzione: “gente, è il mio culo con cui state giocando”)

  15. Comment by maia — 2 marzo 2010

    se non altro sincero :)

  16. Comment by benty2 marzo 2010

    forse c´entra, forse no. avete letto da Sofri che a radiodue adesso daranno anche un programma al principe emy fily?

  17. Comment by maia — 2 marzo 2010

    c’entra tutto benty, c’entra tutto. è tutto un enorme, malefico piano criminoso che ci porterà alla distruzione totale!

  18. Pingback by “L’Universo è controllato da Costanzo” « Fabristol2 marzo 2010

    […] hat tip: Soliinsuperficie […]

  19. Pingback by Bbboni, tanto non ve se sente « βuoni presagi2 marzo 2010

    […] (sull’argomento, anche Maia) […]

  20. Pingback by [c]* - di cristiano valli - abbiate il coraggio di ammetterlo3 marzo 2010

    […] lo avete messo ai gialli mondadori solo perché ha il profilo di ichcoc. var addthis_language = 'en';var addthis_header_background = […]

  21. Comment by Aaargh — 3 marzo 2010

    “il telespettatore PIUTTOSTO CHE il lettore”

    Tanto basta.

  22. Comment by maia — 3 marzo 2010

    Aaargh, chiuanque tu sia, lapidario ed efficace.
    e io che ci ho messo tante parole! :)

  23. Comment by Gigia — 3 marzo 2010

    Consolati che neanche Costanzo ha le idee chiare. Dice di essere il nuovo direttore dei Gialli Mondadori e invece lo è del “Giallo Mondadori”.
    Basta anche questo?

  24. Trackback by Fondazione Elia Spallanzani4 marzo 2010

    Pregiudizi…

    Maurizio Costanzo (che evidentemente non dorme mai: ieri a mezzanotte ha intervistato il dottord!) è diventato anche direttore responsabile dei gialli Mondadori. Quella piccola cricca che chiamiamo blogosfera ha commentato per lo più nega…

  25. Trackback by Fondazione Elia Spallanzani4 marzo 2010

    Pregiudizi…

    Maurizio Costanzo (che evidentemente non dorme mai: ieri a mezzanotte ha intervistato il dottord!) è diventato anche direttore responsabile dei gialli Mondadori. Quella piccola cricca che chiamiamo blogosfera ha commentato per lo più nega…

  26. Comment by estetik24 aprile 2010

    very good article thanks admin for the post

  27. Pingback by Pregiudizi | Fondazione Elia Spallanzani31 maggio 2014

    […] dei gialli Mondadori. Quella piccola cricca che chiamiamo blogosfera ha commentato per lo più negativamente. Noi invece siamo curiosi di vedere cosa farà: sostiene di voler introdurre l’interattività […]

*